Come lavoriamo

Cos’è una perizia

01

Obiettivo

Verifica presupposti per annullamento Cartella Equitalia/ agenzia delle entrate riscossione

La nostra perizia è finalizza a verificare se ci sono i presupposti per annullamento Cartella Equitalia/ agenzia delle entrate riscossione ai sensi di
quanto stabilito dalle sentenze della Cassazione: n. 24933 del 06/12/2016 – n. 8934 del17/04/2014 – n. 15188 del 18/06/2013 – n. 22500 del 10/12/2012 – n. 4516/2012 del 21/02/2012

In caso di riscontro positivo, La nostra organizzazione redigerà automaticamente l’atto per il ricorso da depositare presso l’organo competente per la richiesta dell’annullamento  degli atti.

02

Oggetto

Valutiamo i seguenti atti

A) cartella di pagamento/avviso di addebito
B) atto di intimazione di pagamento notificato sulla base di una cartella non pagata
C) Atto di preavviso di ipoteca e di fermo amministrativo

03

Motivazioni

I motivi dell’opposizione

I motivi dell’opposizione verteranno sui seguenti aspetti:

  • Illegittimità della notifica effettuata a mezzo PEC (solo se la notifica è avvenuta con PEC)
  • Carenza di motivazione dell’atto in particolare per quanto concerne il calcolo degli aggi, degli interessi e delle somme aggiuntive
  • Violazione degli art. 3 e 53 della Costituzione per quanto concerne l’aggio
  • Violazione dei principi di ragionevolezza e proporzionalità

04

Perizia

Perizia Econometrica

Il tutto sarà confermato da una perizia Econometrica che controlla l’esattezza dei calcoli effettuati dall’Ente di riscossione e l’eventuale presenza di Anatocismo tributario.

Scomponiamo il contenuto della cartella ripercorrendo passo dopo passo il processo seguito e le formule utilizzate da Equitalia per il calcolo delle sanzioni, degli interessi di mora, dell’aggio ecc. per confrontarli con le norme tributarie che ne stabiliscono la corretta applicazione ricostruendo tutti i passaggi logici e componendo le formule utilizzate.

Risulta essere un indispensabile strumento per proporre ricorso ed eccepire la nullità della cartella come stabilito dalla Cass. Civ. Sentenza 21 marzo 2012, n. 4516

L’omessa indicazione delle modalità di calcolo degli interessi rende nulla la cartella esattoriale quando l’operato dell’ufficio diviene ricostruibile solo attraverso difficili indagini dovute alla vetustà della questione, che non competono al contribuente, il quale vede, così, violato il suo diritto di difesa.

Di fatto, nelle cartelle esattoriali, le formule utilizzate da Equitalia Spa per calcolare le maggiori imposte (sanzioni, interessi di mora, aggio ecc.) non sono indicate ed il contribuente non dispone delle capacità tecniche per poter verificare se le stesse siano corrette e rispettose delle norme.

Verifichiamo analizziamo e controlliamo le cartelle di Equitalia S.p.A. che sono state oggetto o meno di rateizzo.

In particolare, si potrà verificare l’eventuale:

  • anatocismo tributario
  • applicazione illegittima (ex art. 2 co. 3 del D.Lgs. n. 472 del 18/12/1997) dell’interesse di mora e dell’aggio sulle sanzioni- illegittimità della tecnica di ammortamento impiegata per il rateizzo
  • applicazione impropria di un tasso di dilazione non conforme ai dettami del D.P.R. n. 602/1973

05

Profili di illegittimità

Verifichiamo e quantifichiamo i seguenti profili di illegittimità

Anatocismo su:
  • interessi di mora (che Equitalia S.p.A. calcola sul ruolo complessivamente considerato e quindi anche sulla quota di interessi di ritardata iscrizione a ruolo)
  • interessi di dilazione sul ruolo (calcolati come al punto precedente)
  • interessi di mora per il pagamento in ritardo di una rata (anche in questo caso calcolati da Equitalia S.p.A. sull’intera rata comprensiva di interessi). La L.106 del 07/07/2011 art. 7 comma 2 sexies e 2 septies ha espressamente stabilito il divieto di calcolare gli interessi di mora sugli altri interessi per i ruoli consegnati successivamente al 13 luglio 2011, 2011 rendendo quindi illegittimo l’Anatocismo Tributario. Di fatto, Equitalia, nonostante il divieto, continua a praticare Anatocismo Tributario.
  • Applicazione dell’interesse di mora sulle sanzioni: illegittima in virtù della disposizione dell’art. 2 comma 3 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 che stabilisce testualmente che: “La somma irrogata a titolo di sanzione non produce interessi.”
  • Compenso di riscossione (aggio) per la quota calcolata su interessi di ritardata iscrizione a ruolo, sanzioni e interessi di mora (ragioni legate alla concreta capacità contributiva del debitore vorrebbero che l’aggio fosse calcolato soltanto sul debito tributario escludendo queste basi di calcolo)
  • Piano di rateizzo realizzato con il metodo c.d. “alla francese”.

06

Conteggi

Ricalcolo del dovuto

  • Ricalcoliamo il piano di rateizzo e gli importi da recuperare
  • Quantifichiamo l’ammontare delle eventuali somme non dovute e degli interessi legali maturati

Consento il trattamento e la conservazione dei miei dati personali

A seguito dell’entrata in vigore del Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (Reg. UE 2016/679 - GDPR), in coerenza con l’attenzione che da sempre riserviamo alla tutela dei Vostri dati personali, abbiamo aggiornato i nostri protocolli in materia di dati personali e di cookie policy. Vi invitiamo a prenderne visione. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi